napoli

Il Napoli esce dal big match contro l’Inter con un pareggio che, in ottica classifica, porta gli azzurri a due punti di ritardo dal quarto posto occupato attualmente dalla Juventus. Insigne e compagni nei primi quarantacinque minuti hanno aggredito l’Inter, lenta e pericolosa solo su calci piazzati. Il gol fortuito, nato sull’asse Zielinski-Insigne, ha premiato l’atteggiamento di un Napoli non intimorito e voglioso di dare un segnale alle dirette concorrenti. Nel secondo tempo, però, gli azzurri hanno colpevolmente abbassato il baricentro e, di conseguenza, hanno permesso all’Inter di prendere campo. La rete di Eriksen non ha prodotto alcuna reazione da parte dei campani, apparsi impauriti come già successo all’Allianz Stadium durante la prima frazione di gioco.

L’ingresso di Mertens ha permesso al Napoli di creare maggiori grattacapi alla difesa nerazzurra, anche se nella gestione dei cambi Gennaro Gattuso non è apparso così lucido. L’entrata tardiva del belga, così come le scelte di schierare Elmas, Bakayoko ed Hysaj a pochi minuti dal fischio finale, sono decisioni che hanno trasmesso alla squadra poco coraggio per tentare qualcosa in più.

Il Napoli, tuttavia, nonostante alcuni limiti, ha confermato di essere una squadra valida, che probabilmente avrebbe potuto aspirare anche a qualcosa di più. Tant’è che nel girone di ritorno, e con la rosa al completo, gli azzurri occupano la terza posizione alle spalle di Inter e Atalanta. Un dato che dimostra la crescita e il valore della squadra. Giovedì, gli azzurri, sono attesi dall’esame Lazio, altra pretendente alla corsa Champions League. Il Napoli è costretto a vincere per rimanere in scia di Milan, Atalanta e Juventus e per non rischiare di essere scavalcato in classifica proprio dai biancocelesti, i quali devono ancora recuperare la partita contro il Torino. Sette finali da vincere e, con le avversarie impegnate in più di un big match, l’obiettivo quarto posto resta sempre a portata di mano.

Corsa Champions League

Milan 66: Sassuolo, LAZIO, Benevento, JUVENTUS, TORINO, Cagliari, ATALANTA

Atalanta 64: ROMA, Bologna, SASSUOLO, PARMA, Benevento, GENOA, Milan

Juventus 62: Parma, FIORENTINA, UDINESE, Milan, SASSUOLO, Inter, BOLOGNA

Napoli 60: Lazio, TORINO, Cagliari, SPEZIA, Udinese, FIORENTINA, Verona

Lazio 58*: NAPOLI, Milan, GENOA, FIORENTINA, Parma, ROMA, SPEZIA, Torino

*Una partita in meno
In Maiuscolo le partite in trasferta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *