cavese matino

Ennesimo e scottante crollo, una Cavese inerme e tutt’altro che reattiva cade sotto i colpi della Ternana allo Stadio Libero Liberati. Una sconfitta netta e che condanna i blufoncé allo spettro retrocessione. Un risultato pieno, il Settebello rossoverde che spinge gli Aquilotti sempre più nel baratro di una classifica deficitaria e a coronamento di una stagione complicata. Di seguito, i Top&Flop dei biancoblù:

Top

Ricchi – È uno dei pochissimi a salvarsi nella disfatta umbra dei metelliani. Una prestazioni di livello sulla corsia di riferimento con continue accelerazioni, proposizioni e supporto in favore dei compagni. Spinge la palla in rete e rende meno passivo il punteggio, una marcatura che rende preziosa una grande prova per l’esterno. Bisogna partire dallo spirito del numero tre.

Matino – La fase difensiva della Cavese è spaventosamente incontrollabile. Tuttavia, il centrale si comporta come deve. Scherma le offensive dei promettenti profili offensivi di Lucarelli, si oppone più volte ai tiri degli attaccanti e dalle sue parti è difficile passare. I compagni non offrono lo stesso contributo e finisce per essere ingabbiato dalle maglie della Ternana.

Flop

Il resto del gruppo – Una prova corale insufficiente, nonostante gli avversari siano i primi della classe e con la promozione in cadetteria già in tasca. Tuttavia, le motivazioni pendevano dalla parte della Cavese che ha fallito l’esame in toto e ha gettato alle ortiche un’altra opportunità per la risalita. La classifica è agghiacciante, la situazione è negativa e la sensazione è che il gruppo abbia mollato la presa. Toccherà a Maiuri invertire il trend degli ultimi tempi e ridurre il gap dalle pretendenti per giocarsi il tutto per tutto nei playout.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *