pandolfi turris

Sorpresa e talento. Rivelazione ed estro. È la Turris di Franco Fabiano, il gruppo che sta catturando gli occhi – indiscreti e decisi – delle big dei piani alti. Dalle candidate alla promozione alla Serie B, passando per la vetrina nazionale più importante. Occhi posati su Torre del Greco, sulle gesta del Liguori e su tutto ciò che accade attorno all’ambiente corallino. Sarà un mercato invernale lungo e tortuoso per il presidente Colantonio, per il direttore generale Primicile e per il tecnico.

La squadra viaggia, a ritmi alti e con un’intensità tale da spaventare anche le favorite del torneo. A testimoniarlo Teramo, Ternana e la recente Bari. Nonostante trasferte insidiose e test probanti sulla carta, i biancorossi hanno sempre sfoggiato prove corali di grande spessore. Tecnico e mentale. Con personalità, qualità e intelligenza tattica, la Turris è riuscita a costruire un bunker difficilmente espugnabile. Tra le mura amiche e sui campi avversari. Rendimento che sta spingendo diverse pretendenti ad interessarsi dei gioielli della compagine torrese.

Nomi che corrispondono ai profili di Luca Pandolfi e Franco Da Dalt. Attenzionati, monitorati e individuati da diverse società alla ricerca di giovani elementi e interpreti già formati. Il centravanti e l’esterno. Due ruoli apparentemente semplici da coprire. Rompere le righe e spezzare gli equilibri potrebbe non giovare al sodalizio campano. Sul centravanti c’è il Napoli che, nell’ormai asse consolidato con il Bari, è disponibile a prelevare l’attaccante e a girarlo in prestito. Sul laterale, scatenato nell’ultima partita disputata al San Nicola e fresco di rinnovo di contratto, proprio i Galletti hanno iniziato un serrato corteggiamento.

E la Turris, in tal senso, si ritrova davanti ad un bivio. Ascoltare le offerte ed accettare quelle irrinunciabili o resistere alle pressioni esterne e continuare sul solco tracciato? Quale strada intraprendere per sciogliere due nodi importanti? Interrogativi e dubbi che, d’altra parte, invadono la mente di tutti i calciatori, direttori sportivi, società e procuratori impegnati nell’ardua finestra di mercato. Per i Corallini, che stanno conducendo un campionato di livello, sarebbe quasi ingiusto stravolgere le gerarchie e complicare il cammino. Certo, il traguardo dev’essere la salvezza e la distanza dall’obiettivo è prossimo.

Eppure, c’è la possibilità di insediarsi nella parte nobile della graduatoria e poter entrare nella griglia spareggi-promozione a fine competizione. Un punto alto per il club di Torre del Greco che ha approcciato alla terza serie, dopo diciannove anni di assenza, con presupposti totalmente diversi. Ecco perché, a meno di clamorose proposte economiche difficili da rifiutare, sarebbe corretto proseguire con l’attuale gruppo di riferimento senza deformare l’assetto tecnico. Quando la pianificazione supera le trattative…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *