napoli

Il Napoli batte l’Empoli, dopo un match molto combattuto, e conquista la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia. Di seguito le pagelle degli azzurri:

Meret 6 – Su i due bei gol di Bajrami non può nulla. Per il resto non è chiamato a grandi parate.

Di Lorenzo 6.5 – Il gol del vantaggio è un colpo di testa in tuffo da attaccante consumato. Spinge con costanza sfruttando la perfetta intesa con Politano. Meno perfetto in fase di copertura, infatti concede spazio a Bajrami in occasione del primo gol.

Rrahmani 6 – Dopo la brutta prestazione di Udine, Gattuso decide di concedergli una nuova chance dal primo minuto. L’ex Verona lo ripaga con una prova sufficiente.

Koulibaly  6 – Dopo tre settimane di assenza torna a comandare la difesa. Il senegalese si rende protagonista di una prova attenta, anche se non manca qualche sbavatura in fase di costruzione della manovra.

Ghoulam 5.5 – Accompagna poco la fase offensiva e quando lo fa è impreciso. In ritardo anche nelle chiusure, come in occasione della rovesciata di Matos che scheggia la traversa.

Demme 6.5 – Lotta, recupera palloni, imposta senza correre rischi. Nel finale cala per la scarsa condizione fisica. (dall’88’ Bakayoko sv).

Lobotka 5.5 – Prova a dettare i tempi, ma nel centrocampo a due soffre maledettamente non avendo le caratteristiche per giocare in tale sistema di gioco. (dal 71′ Fabian 5.5 – Oltre al palo colpito, non incide).

Politano 6.5 – È tra i più attivi del primo tempo. Sull’out di destra trova sempre spazi grazie anche alla contrapposizione di Di Lorenzo. Gli manca solo il gol. (dal 61′ Insigne 5,5 – Entra per dare ancora più vivacità alla manovra del Napoli, ma è impreciso nel concludere azioni promettenti).

Elmas 6 – Ondeggia tra centrocampo e attacco, commettendo pochissimi errori. (dal 71′ Zielinski sv).

Lozano 7 – Il migliore del Napoli da inizio stagione. Corre, semina il panico, serve un delizioso assist a Di Lorenzo, va al gol con uno splendido destro. È l’arma in più di questa squadra, al momento forse l’unica.

Petagna 6 – Fa valere la sua imponenza fisica e trova il gol qualificazione. In molte circostanze, però, dovrebbe essere più cattivo negli ultimi metri. (dall’88’ Llorente sv).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *