higuain

Gonzalo Higuain, attaccante dell’Inter Miami ed ex Napoli, ha rilasciato una lunga intervista a Tyc Sport. Il bomber argentino, tra i tanti temi trattati, ha parlato anche dell’addio ai partenopei:

“È stato molto difficile per me prendere la decisione, perché sapevo tutto ciò che avrebbe comportato, ma non ne ho mai dubitato. È iniziato tutto quando mi è venuta una sensazione. Avevo fatto il record di 36 gol in una stagione, avevamo una grande squadra che giocava alla grande e non potevamo essere campioni. Cos’altro c’era da fare? Il fatto che la Juventus sia venuta a dirmi che pagava la clausola di 94 milioni di euro per avermi è stato un onore e un premio per quello che avevo fatto.

Con ciò che è successo dopo posso solo dire che chi sbaglia nella vita paga. Gli sono tornati l’odio, il risentimento e gli insulti perché in otto partite ho segnato sei gol al Napoli. Ho scelto bene, perché il primo anno siamo arrivati ​​in finale di Champions League. L’unica volta che ho potuto giocarci”.

Higuain, inoltre, ha raccontato un aneddoto su Edoardo De Laurentiis: Mi ero rotto la mano e lui ha dichiarato che era un peccato che non avrei giocato, perché voleva vincere con me in campo. Tranquillo, sto venendo. Abbiamo vinto e per di più ho segnato un gol per te (ride, ndr)”.

LEGGI LE ALTRE NEWS SUL NAPOLI